Il primo quotidiano sulla sostenibilità nel retail
Aggiornato al

In Italia aumenta la disponibilità dei consumatori alla consegna a pagamento

Green Retail  - In Italia aumenta la disponibilità dei consumatori alla consegna a pagamento

Sendcloud, la piattaforma internazionale di spedizioni per l’e-commerce, ha condotto insieme a Nielsen una ricerca sullo shopping online degli italiani.

I consumatori italiani sono stati per anni abituati alla comodità della consegna gratuita, ma nella situazione attuale, complice l’inflazione galoppante, i negozi online sono sempre più spesso costretti a far pagare le spedizioni.

L’ultima ricerca globale di Sendcloud, la piattaforma internazionale per le spedizioni e-commerce, condotta su 1000 consumatori del Belpaese, rileva come le spese di consegna elevate costituiscano la ragione principale per cui la stragrande maggioranza degli acquirenti online italiani (70%) abbandona il proprio carrello, ma come, inaspettatamente, sia generalmente cresciuta la disponibilità dei consumatori a pagare per ricevere i propri ordini.

Sempre più disponibilità alle spedizioni a pagamento - Più della metà (54%) dei consumatori italiani prevede un aumento dei costi di spedizione durante il 2023 a causa dell'inflazione, e la quota da pagare per la consegna dipenderà in modo proporzionale dal valore dell'ordine. Mentre per un ordine massimo di 15 euro, gli italiani non vogliono superare i 3,5 euro, le spese di consegna per i propri ordini di 50 euro si attestano a 4 euro, ed infine per un ordine di 150 euro arrivano addirittura a 5,50 euro.

“I consumatori in Italia sono stati a lungo viziati dalle spedizioni gratuite, nonostante questo fosse un ostacolo per molti rivenditori online. Per risparmiare, i consumatori si rivelavamo subito poco fedeli, rivolgendosi immediatamente alla concorrenza", ha dichiarato Rob van den Heuvel, Ceo e co-fondatore di Sendcloud. "Ora vediamo un chiaro cambiamento nel comportamento degli acquirenti online. In Europa in generale, ma soprattutto in Italia, i consumatori sono abbastanza disposti a contribuire alle spese di spedizione, anche se il prezzo può essere un ostacolo. Giganti e-commerce come H&M e Zalando stanno quindi addebitando sempre più spesso le spese di spedizione per i piccoli ordini e ci aspettiamo che molti rivenditori online seguano il loro esempio".

La spedizione gratuita rimane popolare, ma i consumatori sono sempre più consapevoli

Sebbene la disponibilità a pagare per la spedizione sia in aumento, la spedizione gratuita rimane più popolare che mai. Ben quattro acquirenti italiani su cinque (80%) sono disposti ad aggiungere un prodotto in più al loro ordine in cambio della spedizione gratuita. Inoltre, la gratuità vince sulla velocità: quasi 9 su 10 (88%) preferiscono la gratuità alla consegna veloce, prediletta solo dal 13% degli intervistati. La consegna gratuita risulta vincente anche a fronte di diverse opzioni di spedizione, come la possibilità di scegliere flessibilmente quando ricevere un ordine, o a quale corriere specifico affidare il pacco.

Se comunque "gratis" rimane una parola d'ordine quando si parla di spedizioni, i consumatori stanno diventando sempre più consapevoli degli impatti ecologici legati alla consegna. 3 consumatori su 5 (57%) ritengono che le consegne non sostenibili dovrebbero essere più costose. Allo stesso tempo, la maggioranza (83%) ritiene che le spese di spedizione dovrebbero essere più economiche se il consumatore è disposto ad aspettare più a lungo.

Metodo di ricerca - La ricerca e-commerce di Sendcloud è stata condotta da Nielsen nell'agosto 2022 su 9.004 intervistati in 9 Paesi (Paesi Bassi, Belgio, Francia, Germania, Austria, Italia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti). Il report completo fornisce una panoramica sulle nuove tendenze della logistica in ambito e-commerce e sarà pubblicato il 26 gennaio 2023.

       
    Il sito Green Retail  - In Italia aumenta la disponibilità dei consumatori alla consegna a pagamento

Copyright © 2023 - Edizioni DM Srl - Via Andrea Costa, 2 - 20131 Milano - P. IVA 08954140961 - Tutti i diritti riservati | Credits