SEGUICI SU

In un periodo così complesso, è importante portare alla luce tutte quelle iniziative che investono risorse per favorire la crescita di modelli virtuosi.

Inalpi, azienda lattiero casearia di Moretta, si inserisce nel novero delle realtà che anche attraverso una politica aziendale lungimirante, sa guardare oltre il mero guadagno, con un piano 2021-2025, che abbraccia infatti, a pieno titolo, i Sustainable Development Goals, i 17 obiettivi previsti dall’Agenda 2030 dell’Onu e sottoscritti dai 193 Paesi membri, che costituiscono un appello all’azione, per porre fine alla povertà, migliorare la salute e l’istruzione, ridurre le disuguaglianze, e proteggere il nostro pianeta con iniziative sostenibili che rispettano l’ambiente.

Temi fondamentali sui quali, proprio in questi giorni, la Bill & Melinda Gates Foundation presenterà, all’Assemblea Generale dell’Onu, l’annuale “GoalKeepers report”, rapporto di monitoraggio sull’evoluzione dei 17 obiettivi sostenibili.

Un modello di attenzione e innovazione, per il quale è richiesto l’impegno di tutti, e che così riassume Ambrogio Invernizzi, Presidente Inalpi. “Ognuno di noi, prima di tutto come imprenditore, sa di avere oggi una responsabilità che condizionerà il futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti. Dobbiamo esserci, dobbiamo fare la nostra parte nel supportare e far crescere il nostro territorio, la nostra Regione, il nostro Paese e il mondo che ci circonda”.

Un atteggiamento che Inalpi ha da sempre adottato, e che oggi più che mai porta a reale e concreta realizzazione attraverso un piano di investimenti 2021-2025. I 17 Sustainable Development Goals, sono infatti identificabili nella filosofia aziendale e nella progettazione dell’azienda di Moretta.

La filiera corta e certificata del latte è il principale riferimento a cui guardare per riconoscere quei valori e quegli obiettivi sui quali l’Agenda 2030 dell’Onu pone la propria attenzione. Il sistema filiera, si fonda infatti su rapporti equi e trasparenti, promuovendo una crescita duratura del territorio e favorendo la possibilità di progettualità dell’intera comunità. Una vera e propria squadra che lavora per obiettivi comuni, all’interno della quale la formazione professionale e la crescita dei singoli sono elementi fondanti e per i quali Inalpi sviluppa una continua attività. Un impegno costante che diventa fonte di occupazione, creando posti di lavoro regolati da contratti trasparenti che riconoscono i diritti dei lavoratori e la legalità.

Una filiera basata su un protocollo, sottoscritto da ogni conferitore, i cui 5 pilastri fondanti attribuiscono valore fondamentale alla qualità della materia prima prodotta, al benessere animale, all’impatto ambientale, all’agricoltura e al rispetto dei diritti umani e dei lavoratori. Un sistema che riconosce il lavoro e l’impegno, e che utilizza un sistema di retribuzione della materia prima basato su un indice matematico, applicato per la prima volta in Italia nel 2010 da Inalpi, che elimina le contrattazioni e consente programmazione e crescita.

La stessa attenzione che viene riservata ai dipendenti dell’azienda, per i quali Inalpi è impegnata, ormai da anni, in attività di Welfare aziendale, ai giovani, attraverso iniziative di inclusione, progetti di collaborazione con strutture accademiche e atenei e la creazione di progetti finalizzati al sostegno della scuola. Attività queste che hanno come obiettivo principale la creazione di una comunità nella quale vi siano pari opportunità e supporto per tutti i suoi componenti.

Nel percorso che Inalpi sta compiendo, viene posta estrema attenzione anche a tutti i temi che attengono alla tutela dell’ambiente. Un impegno che si concretizza attraverso la realizzazione e progettazione di iniziative di sostenibilità, quali la tutela delle risorse idriche con progetti di recupero e riutilizzo delle acque e la produzione di energie sostenibili grazie a moderni impianti a basso impatto ambientale. Un percorso complesso e strutturato che porterà inoltre Inalpi alla certificazione Carbon e Water Footprint. Un impegno declinato poi anche nella quotidianità, che vedrà la conversione di tutta la flotta auto aziendale in veicoli ibridi, e che interessa anche il settore produttivo, che proprio in questo 2020 ha visto l’inserimento di nuovi packaging completamente compostabili e riciclabili.

E lo sguardo punta al domani, perché Inalpi prosegue il suo cammino lasciando alle proprie spalle un quinquennio, 2016-2020, di importante crescita, con una rilevante evoluzione del fatturato, e proietta sui 5 anni a venire un considerevole incremento attraverso il quale creare innovazione, attenzione al territorio e all’ambiente, crescita economica e occupazione. Prende così vita il piano investimenti 2021-2025 da 100 milioni di euro che porterà alla costruzione della seconda torre di sprayatura per la produzione del latte in polvere e ad importanti infrastrutture come l’impianto di ultrafiltrazione che consentirà la produzione delle MPC - proteine ottenute dal latte - e del PERMEATO ottenuto dal latte.

Progetti e investimenti fondamentali, per proseguire nella crescita e diventare sempre più una moderna realtà industriale. Ma anche progetti e investimenti che sanno prestare attenzione alle persone e al territorio su cui Inalpi porta avanti il proprio cammino da oltre 50 anni.