SEGUICI SU

Ridurre l’impiego di fitofarmaci, salvaguardare l’ambiente ed offrire soluzioni innovative al mondo produttivo e alla distribuzione.

Sono questi gli obiettivi green che guidano l’attività di Romagnoli F.lli Spa, tra le realtà italiane di punta del settore pataticolo italiano, che propone un’offerta tra le più complete e innovative: patate da seme, da consumo, da agricoltura biologica e trasformate di IV e V gamma.

Le attività di ricerca e sviluppo dell’azienda bolognese promuovono la diffusione di tecniche di coltivazione sostenibili, in grado di rispondere ai rischi connessi ai cambiamenti climatici – cui la pataticoltura è fortemente esposta – e, parallelamente, assicurare buone rese produttive e alta conservabilità dei prodotti alle aziende agricole, senza trascurare le caratteristiche organolettiche degli stessi. Negli ultimi anni, gli investimenti realizzati da Romagnoli F.lli Spa in ricerca varietale hanno permesso di ottenere una nuova generazione di patate - next-generation - con un’ottima tolleranza alle principali fitopatie (peronospora della patata in primis).

Dal connubio tra ricerca varietale e nuove tecniche di coltivazione è nata Patate èVita Residuo Zero* (certificata Check Fruit), 100% italiane e prodotte esclusivamente da aziende agricole certificate GlobalGap, secondo uno specifico disciplinare di produzione che prevede l’uso di fitofarmaci a bassa residualità - (https://www.romagnolipatate.it/it/patate-da-consumo/residuo-zero).

Nella campagna produttiva 2020 sono stati estesi gli areali produttivi: alla produzione novella siciliana si è affiancata la produzione del Maccarese a Fiumicino e quella emiliana della provincia di Bologna. 

thumbnail image003

 

Nuove tecniche colturali, ma non solo. L’impegno ambientale di Romagnoli F.lli Spa punta a rendere eco-compatibili le produzioni di filiera intervenendo su più fronti, dal campo alla tavola: innovazioni di processo per la tutela delle risorse naturali, come l’impianto fotovoltaico da 700 Kwhe, grazie al quale l’azienda ha raggiunto l'autosufficienza energetica nel proprio stabilimento produttivo, l’impianto idrico e di depurazione negli stabilimenti di lavorazione per il riciclo totale dell’acqua di processo utilizzata.

Tra le più recenti novità, l’adozione dell’innovativo packaging Sormapeel prodotto da Sorma Group - (https://www.romagnolipatate.it/it/blog/news-dall-azienda/844-romagnoli-f-lli-sceglie-il-nuovo-packaging-amico-dell-ambiente-per-le-patate-evita-tutti-gli-usi) - costituito da carta e polipropilene facilmente separabili, che consente una riduzione del -25% di plastica rispetto alle confezioni attualmente in uso e che risponde sin da ora alle nuove disposizioni comunitarie, che prevedono, entro il 2030, la riduzione della plastica (-25%) e confezioni composte da monopolimeri (una sola tipologia di plastica, quindi completamente riciclabile). 

thumbnail image003 1

“Preservare le risorse naturali è un dovere imprescindibile per un’azienda come la nostra - sottolinea Giulio Romagnoli, amministratore delegato Romagnoli F.lli Spa. Innovare il settore mettendo in campo tutte le azioni necessarie per produrre in maniera sostenibile - in termini ambientali, sociali ed economici - è un impegno quotidiano che siamo felici di condividere con clienti e consumatori, oggi sempre più attenti e consapevoli del valore di queste scelte.”

* Residuo di prodotti chimici ammessi per legge al di sotto dei limiti di determinazione analitica (0,01 ppm) e residui di sostanze fitosanitarie autorizzate all’impiego in agricoltura biologica (ai sensi dell’allegato II del Reg. CE 889/2008) nei limiti massimi del 50% del Residuo Massimo Ammesso.