SEGUICI SU

Il settimanale finanziario Barron’s edito da Dow Jones & Company posiziona l’azienda che opera nel settore della supply chain come leader mondiale della sostenibilità.

Brambles, azienda leader nel settore della supply chain, che opera in più di 60 paesi principalmente con il marchio CHEP, ha conquistato il punteggio più alto nella classifica sulla sostenibilità stilata dal magazine Barron’s edito da Dow Jones & Company, che l’ha decretata “azienda più sostenibile del mondo”.

Barron's è un settimanale americano pubblicato da Dow Jones & Company, divisione del News Corp e consociata del Wall Street Journal, che si occupa di informazione finanziaria, evoluzioni di mercato e statistiche per gli Stati Uniti. Il modello di economia circolare proposto da Brambles favorisce la condivisione e il riutilizzo del più grande pool di pallet e contenitori riutilizzabili al mondo. In questo modo, Brambles può soddisfare le esigenze dei propri clienti e al contempo ridurre al minimo l’impatto ambientale migliorando l’efficienza e la sicurezza della supply chain nel mondo. Le piattaforme Brambles costituiscono l’invisibile colonna portante delle supply chain mondiali: riforniscono principalmente le industrie di beni di largo consumo, di prodotti freschi e di bevande, nonché le aziende manifatturiere e al dettaglio, aiutando i clienti a ridurre gli sprechi e le emissioni generate dai processi produttivi.

Graham Chipchase, CEO di Brambles, ha dichiarato “Siamo davvero orgogliosi di aver ricevuto questo riconoscimento. La sostenibilità è il core del nostro business, perché il nostro modello circolare è in grado di salvaguardare le risorse naturali contribuendo ad eliminare gli sprechi e le emissioni di carbonio. Per i nostri clienti questi aspetti sono oggi più importanti che mai. Il nostro modello di condivisione e riutilizzo sfrutta le potenzialità delle reti cooperative per sbloccare delle opportunità di collaborazione che non sussistono con altre soluzioni e che puntano ad eliminare i chilometri di trasporto a vuoto e a risparmiare sui costi. Siamo convinti che l’azienda svolga un ruolo chiave nel plasmare un futuro sostenibile e siamo impazienti di condividere entro la fine dell'anno i nostri obiettivi di sostenibilità per il 2025”.

La classifica annuale delle 100 aziende più sostenibili d’America e del mondo

In un mondo in cui gli investitori sono sempre più interessati ad identificare opportunità a emissioni zero, le caratteristiche di sostenibilità di un’azienda possono effettivamente influire sulla sua competitività. Barron’s collabora con la Calvert Research and Management per stilare la classifica annuale delle 20 aziende non statunitensi più sostenibili. In media, le azioni messe in campo da queste prime 20 aziende nel 2019 hanno avuto un rendimento pari al 23,6%. Parallelamente, seguendo la stessa metodologia, Barron’s redige una classifica annuale delle “100 aziende più sostenibili d’America”. Nella classifica delle aziende extra U.S.A. Brambles si è posizionata più in alto di qualunque delle 100 aziende americane incluse nel ranking delle realtà statunitensi prese in esame. Brambles ha dunque conquistato il gradino più alto del podio in quanto azienda più sostenibile al mondo.

La metodologia di Barron’s

Per stilare la classifica delle 20 migliori aziende internazionali, l’analisi valuta le 1000 imprese quotate con la maggiore capitalizzazione in borsa analizzandone le performance e i comportamenti in relazione ai propri azionisti, dipendenti, clienti, comunità in cui operano e il pianeta. A sua volta ciò si traduce in più di 230 indicatori di performance ambientale, sociale e di governance (ESG) che scaturiscono da sei principali fornitori di dati ESG (CDP, ISS, MSCI, Sustainalytics, Thomson Reuters Asset4 e TruValue) che vengono integrati da altre fonti se ritenute rilevanti. Possono includere fattori molto diversificati, come la responsabilità finanziaria, la sicurezza dei dati, la diversità sul luogo di lavoro, l’impatto sul ciclo di vita dei prodotti, la formazione dei dipendenti e l’impatto ambientale della supply chain. Considerate le svariate attività messe in campo dalle aziende prese in esame, i punteggi in ogni categoria vengono poi ponderati in base alla rilevanza finanziaria di quel particolare indicatore per i settori in cui operano le diverse aziende.

In che modo Brambles crea delle supply chain sostenibili

Grazie agli studi del Life Cycle Assessment che confrontano le soluzioni che prevedono l’uso di piattaforme riutilizzabili e le alternative monouso, Brambles è in grado di determinare i vantaggi ambientali che le prime offrono lungo tutte le supply chain dei clienti. Nel 2019, l’ammontare complessivo è stato pari a 2,0 milioni di tonnellate di CO2, 1,3 milioni di tonnellate di rifiuti e 2.600 megalitri d’acqua. E l’impegno a favore dell’ambiente non si limita a questo: il 99,7% del legno usato da Brambles proviene da fonti certificate; il 60% di tutta l’elettricità utilizzata proviene da fonti rinnovabili; Brambles si impegna inoltre per contribuire attivamente alla creazione di un luogo di lavoro migliore per i propri dipendenti e per le comunità in tutto il mondo.

Inoltre l’azienda ha di recente collaborato con la Fondazione Ellen MacArthur ed altri importanti marchi per lo sviluppo di Circulytics, un nuovo strumento digitale che misura accuratamente la circolarità e supporta la transizione di un’azienda verso l’economia circolare, indipendentemente dal settore, dalla sua complessità e dalle dimensioni. La sostenibilità è un elemento cardine dei principi fondanti di Brambles che continuerà a svolgere un ruolo fondamentale nel plasmare un futuro sostenibile.

Brambles aiuta a trasportare più prodotti a più persone e in più destinazioni rispetto a qualsiasi altra organizzazione esistente. Con pallet e contenitori che costituiscono la spina dorsale invisibile della supply chain globale, rappresenta un punto di riferimento per i maggiori marchi mondiali, poiché consente il trasporto dei loro prodotti in modo più efficiente, sostenibile e sicuro. In qualità di pioniere della ‘sharing economy’, ha saputo creare uno dei gruppi logistici più sostenibili al mondo grazie alla condivisione e al riuso delle sue piattaforme secondo un modello noto come ‘pooling’. Brambles è attiva principalmente nel comparto dei beni di largo consumo (come alimenti secchi, generi di drogheria, articoli sanitari e per la cura personale), ortofrutticoli, bevande, vendita al dettaglio e industria manifatturiera in genere. Il Gruppo impiega ca. 11.000 addetti e conta ca. 330 milioni di pallet, cassette e contenitori, con una rete di più di 750 centri servizi. Brambles è presente in circa 60 Paesi, in particolare in Nord America e in Europa occidentale.