SEGUICI SU

80 anni di storia dell'elettrodomestico tritarifiuti.

Sette modelli diversi, tecnologie innovative con un occhio alla sostenibilità, i tritarifiuti di InSinkErator hanno cambiato le abitudini in cucina di tutto il mondo. Alcuni lo conoscono come tritarifiuti, lo hanno visto nei film americani, sulle riviste o in casa di qualche amico. Il dissipatore alimentare, l’elettrodomestico che permette di eliminare i residui organici all’istante, compie 80 anni così come InSinkErator, la multinazionale americana del Gruppo Emerson che lo ha inventato in uno sperduto scantinato del Wisconsin, ma come una piccola idea si converte in una rivoluzione mondiale? 

Tutto ebbe inizio nel 1927 quando un architetto del Wisconsin, John Hammes, trafficando con un piccolo motore, delle lastre di metallo e un trituratore improvvisato nell’officina del suo scantinato, lavorò all’idea di sminuzzare gli avanzi organici in modo da eliminarli con l’acqua di scarico del lavandino. Da elettrodomestico ingombrante e rumoroso è diventato invisibile, silenzioso, estremamente sicuro e alla portata di tutti. Lentamente ha così attraversato l’oceano per giungere in Europa dove, piano piano, ha conquistato anche le casalinghe più esigenti. Attualmente il dissipatore è presente in oltre 80 paesi al mondo, e se nel nord Europa e Regno Unito, da sempre più ricettivi per quanto riguarda questo genere di innovazioni, è un fenomeno di massa, in Italia si sta facendo ancora le ossa.

Ma che cos’è di preciso e come funziona un dissipatore alimentare? Quanto costa e che caratteristiche ha? Qual è il profilo del consumatore?

Premettendo che la prevenzione degli sprechi è fondamentale e passa attraverso una “spesa ragionata” che eviti acquisti inutili, iniziamo con lo spiegare come funziona. Posizionato sotto il lavello (l’installazione è ormai un’operazione di routine per qualsiasi idraulico), il dissipatore tritura ogni tipo di avanzo organico direttamente nel lavandino riducendo il residuo in particelle finissime che possono essere eliminate nelle acque chiare. Nessun processo chimico ma solo movimenti meccanici estremamente sicuri e, contrariamente ai luoghi comuni, silenziosi. In Europa, sono attualmente in commercio 7 tipi di dissipatori alimentari domestici, ciascuno con le proprie caratteristiche.

Come una vera e propria famiglia, si va dal più piccolo, la Serie 46 al top di gamma Evolution 250. In mezzo vi sono variazioni pensate per adattarsi alla composizione del nucleo famigliare e al portafoglio. Dal single alla coppia, dalla famiglia numerosa a quella più comune, il dissipatore è ormai entrato nell’immaginario collettivo come il forno a microonde o la lavastoviglie diventando alla portata di tutti. Negli Stati Uniti nell’80% delle nuove abitazioni viene istallato di serie ed il 50% delle famiglie americane ne ha uno.