SEGUICI SU

Con la Charity Card del Banco Alimentare, la Giornata della Colletta Alimentare (28 novembre 2020) potrà contare su un prezioso alleato.

Condividere i bisogni con chi si trova in difficoltà è un atto di altruismo che di anno in anno i volontari di Banco Alimentare sono riusciti a portare nelle vite di sempre più persone, grazie alla Giornata Nazionale della Colletta Alimentare.

Nel 2019, l’iniziativa ha coinvolto circa 13.000 supermercati in tutta Italia. Sono state raccolte 8.100 tonnellate di beni alimentari, l’equivalente di 16.200.000 pasti. Quanto raccolto, insieme a quanto recuperato dal Banco Alimentare nella sua ordinaria attività durante tutto l’anno, è stato distribuito a circa 7.500 strutture caritative che assistono oltre 1,5 milioni di persone. Per garantire la continuità di questa ricorrenza tutelando la sicurezza di chi dona e di chi riceve, Banco Alimentare ha scelto Epipoli, gruppo fintech italiano leader di mercato nelle carte prepagate, nei sistemi di engagement e di couponing, per sviluppare la nuova Charity Card del Banco Alimentare e rendere la Colletta Alimentare digitale.

La Charity Card consentirà a ogni consumatore di donare parte della propria spesa semplicemente acquistando la carta nel proprio supermercato di fiducia o online su mygiftcard.it o attraverso i canali di distribuzione digitale, o ancora acquistandola tramite i propri programmi di welfare aziendale e piattaforme dedicate. Il valore della Charity Card sarà trasformato in una spesa per la Colletta Alimentare, appuntamento che quest’anno è più che mai immancabile. Le Charity Card saranno diponibili in alcuni dei punti vendita delle seguenti insegne: Alì, Basco, Bennet, Carrefour, Conad, Despar, Esselunga, Eurospar, Eurospin, Finiper, Gigante, Interspar, La Grande I, Lidle, Pam Panorama, Penny Market, Sigma e Unes. I consumatori che acquisteranno una carta presso uno di questi punti vendita potranno portarla sempre con sé ed utilizzarla per donare ogni volta che vorranno, semplicemente passandola in cassa.

Collegandosi al sito https://bancoalimentare.mycharitycard.it/ sarà poi possibile scaricare il certificato simbolico a proprio nome o a nome di un amico a cui si vuole regalare la paternità della donazione e restare aggiornati giorno per giorno sull’andamento della Colletta Alimentare grazie ai contatori che indicano quanti e quali beni sono già stati donati ai più bisognosi.

Gaetano Giannetto, Fondatore e Presidente di Epipoli commenta: “Siamo orgogliosi che il nostro know-how possa essere messo a servizio di una causa così nobile e per un partner come Banco Alimentare, in una collaborazione che mi auguro possa diventare continuativa. Viviamo in un’epoca in cui il distanziamento sociale impone talvolta l’isolamento fisico: strumenti come la Charity Card del Banco Alimentare dimostrano come il digitale possa essere il ponte perfetto per rimanere uniti, per non dimenticare i legami che ci avvicinano gli uni agli altri”.

“Abbiamo deciso di modificare la forma della Colletta Alimentare di quest’anno, affinché si potesse svolgere in tutta sicurezza - afferma Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus. La sostanza della Colletta, però resta la stessa, e questo anche grazie al lavoro di Epipoli, che ci aiuta a portarla avanti anche in una situazione così critica. Oggi più che mai è infatti importante riuscire a dare un aiuto a chi ha bisogno, e non potevamo permettere che le difficoltà attuali ci fermassero. Abbiamo scelto di trasformare gli ostacoli presenti in un’occasione per avvicinarci a soluzioni innovative che potranno esserci utili anche in futuro”.