SEGUICI SU
Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

Arriva il premio di produttività variabile, concordato con le parti sindacali.

Un investimento di oltre 60 milioni di euro convertibili in “welfare” per l’acquisto di beni e servizi, grazie ad un piano dedicato.

Il Gruppo Veronesi, primo gruppo italiano con filiera completa e integrata che parte dalla produzione dei mangimi sino alla trasformazione e distribuzione delle carni e dei salumi della tradizione gastronomica italiana, premia gli 8000 dipendenti con oltre 8.000 euro ciascuno in 4 anni. Si tratta del premio di produttività variabile concordato con le parti sindacali nei vari contratti integrativi e che viene erogato, per il 2018, a partire dal mese febbraio.

Grazie al piano dedicato “Veroneasy life” il Gruppo offre la possibilità di convertire il valore lordo del premio in welfare: anziché percepire quindi il premio come valore lordo in busta paga, i lavoratori possono utilizzare l’intero importo defiscalizzato per acquistare un ampio ventaglio di beni e servizi e aumentare così la capacità di spesa di ciascuno. Le aree coperte dal piano di welfare aziendale spaziano dall’assistenza sanitaria a quello dell’assistenza sociale, dall’istruzione alla previdenza complementare ai voucher per acquisti e buoni benzina, fino alla ricreazione e allo sport. Tra i benefit anche i tablet per gli studenti, baby-sitting, micronidi, gestione del tempo libero. I dipendenti hanno tempo fino al 15 febbraio per valutare se aderire al piano welfare e quindi volontariamente convertire una parte o la totalità del premio. Ogni lavoratore può anche decidere di non convertire il premio: in questo caso, naturalmente, l’importo viene erogato con le relative trattenute di legge. Il piano welfare si applica già ad oltre l’80% dei dipendenti e verrà proposto a tutte le persone del Gruppo in occasione dei prossimi rinnovi contrattuali.

“Con questi premi di produttività abbiamo voluto coinvolgere tutte le risorse al raggiungimento degli obiettivi strategici - ha dichiarato Giuliano Allegri, Direttore Risorse Umane del Gruppo Veronesi - Quella del welfare aziendale costituisce una sfida importante: si tratta di misure che contribuiscono a bilanciare le esigenze lavorative con la vita privata. Per rispondere ai bisogni di un Gruppo costituito da una molteplicità di realtà con differenti esigenze, abbiamo optato per un piano di welfare completo che spazia dall’assistenza sanitaria all’istruzione, dalla previdenza complementare ai servizi per il tempo libero. Il welfare aziendale sta divenendo sempre più il cosiddetto secondo pilastro dello Stato sociale: ogni impresa è chiamata a rispondervi per mettere a fattore comune le risorse pubbliche e quelle private e andare, cosi, incontro alle esigenze della persona”.

La scelta dei benefit avviene tramite il portale online www.veroneasylife.it che consente di gestire un conto aperto dedicato alle richieste e alle pratiche di inoltro dei rimborsi. Il Piano “Veroneasy life” è articolato in 6 sezioni: assistenza sanitaria per rimborsare le spese relative alle prestazioni sanitarie, istruzione per le spese di formazione dei familiari del dipendente e dei servizi integrativi (mense scolastiche, trasporti, gite, servizi di baby-sitting ecc), servizi socio-assistenziali destinati ai familiari con oltre 75 anni di età o non autosufficienti, previdenza integrativa per destinare l’importo a disposizione al fondo scelto, la sezione tempo libero dedicata alle spese per abbonamenti relativi all’attività sportiva, ricreativa e culturale e infine la sezione dedicata alla spesa in buoni di acquisto elettronici (voucher) negli esercizi che hanno aderito all’iniziativa. Per tutta la durata del piano welfare è disponibile un call center cui rivolgersi per richiedere chiarimenti sull’utilizzo del portale implementato per i dipendenti.