SEGUICI SU
Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

Logistica solidale: inaugurato l'Hub di quartiere contro gli sprechi in collaborazione con Number1 Logistics Groups.

L’Azienda leader nella logistica integrata sul largo consumo ha messo a disposizione un furgone per recuperare le eccedenze dai supermercati che verranno poi ridistribuite alle Onlus del Comune di Milano.

È stato presentato a Milano il primo Hub per la ridistribuzione alle Onlus del Comune di Milano delle eccedenze alimentari dei supermercati del capoluogo lombardo. Il progetto, realizzato dal Comune, Assolombarda, Politecnico, Banco Alimentare della Lombardia e Number1 Logistics Group, ha l’obiettivo di ridurre con azioni concrete lo spreco di cibo e innovare le modalità di recupero degli alimenti da destinare agli indigenti, progettando e sperimentando un modello di recupero e ridistribuzione delle eccedenze alimentari basato su reti locali di quartiere.

Number 1 Logistics Group ha fornito un furgone per la raccolta dei prodotti alimentari dai supermercati mentre il Banco Alimentare, vincitore del bando di assegnazione dell’hub, garantirà la gestione operativa e quotidiana del modello elaborato dal Politecnico di Milano.

NUMBER1 Logistics Group, controllata dal Gruppo FISI - è la realtà leader in Italia nel settore della logistica specializzata del food & grocery e della grande distribuzione. E’ il marchio unico di un player capace di raggiungere oltre 120 mila punti di consegna appartenenti alla Gdo e ai canali specializzati food & beverage (Ho.re.ca), grossisti, normal trade, farmacie, petshop, etc.), generando un fatturato di circa 266 milioni di Euro al 2017. Controlla un network diretto che comprende 8 hub e 28 transit point per 3.600 dipendenti complessivi tra diretti e indiretti impiegati nella gestione di 65 siti e 1.600 automezzi che costituiscono la flotta dei trasporti. Grandi numeri che permettono di gestire ogni anno circa 1,8 milioni di consegne e di affermare che Number1 ha una quota di mercato del settore grocery secco in Italia oltre il 16%, grazie a cui è leader da diversi anni.