SEGUICI SU
Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

L’agricoltura biologica e biodinamica si basano su un modello agroecologico di economia circolare che protegge la natura e la terra.

Il biologico ha un impatto positivo sull’ambiente, sul clima e favorisce la biodiversità. In occasione del World Environment Day che si celebra il 5 giugno, e ha come tema la lotta contro l’inquinamento dell’aria, Federbio evidenzia come l’agricoltura biologica e biodinamica rappresentino esempi concreti di sostenibilità e tutela ambientale in quanto non utilizzano prodotti chimici di sintesi come fertilizzanti, diserbanti, insetticidi e anticrittogamici.

Unico modello agricolo disciplinato dalla Comunità europea, l’agricoltura biologica è un sistema di produzione che aumenta la fertilità del suolo, riduce l’inquinamento delle acque, tutela la salute dell’ecosistema e delle persone. Contribuisce inoltre a mitigare l’effetto serra e a sostenere l’adattamento al cambiamento climatico riducendone gli effetti.

“Per dare spazio alle istanze dei tanti giovani che in tutto il mondo manifestano per la difesa dell’unico pianeta che abbiamo, servono politiche all’altezza della situazione e occorre cambiare il modello produttivo anche in agricoltura. Oggi, l’innovazione necessaria è adottare l’approccio agroecologico di cui l’agricoltura biologica è l’applicazione più concreta, come strumento strategico attraverso il quale difendere le risorse naturali a cominciare dalla fertilità dei suoli per favorire il sequestro di carbonio, la tutela della biodiversità e della qualità delle acque”, ha affermato Maria Grazia Mammuccini dell’Ufficio di Presidenza FederBio.

FederBio è una federazione nazionale nata nel 1992 per iniziativa di organizzazioni di tutta la filiera dell’agricoltura biologica e biodinamica, con l’obiettivo di tutelarne e favorirne lo sviluppo. FederBio socia di IFOAM e ACCREDIA, l’ente italiano per l’accreditamento degli Organismi di certificazione, è riconosciuta quale rappresentanza istituzionale di settore nell’ambito di tavoli nazionali e regionali. Attraverso le organizzazioni associate, FederBio raggruppa la quasi totalità della rappresentanza del settore biologico, tra cui le principali realtà italiane nei settori della produzione, distribuzione, certificazione, normazione e tutela degli interessi degli operatori e dei tecnici bio. La Federazione è strutturata in cinque sezioni tematiche e professionali: Produttori, Organismi di Certificazione, Trasformatori e Distributori, Operatori dei Servizi e Tecnici, Associazioni culturali. FederBio garantisce la rigorosità e la correttezza dei comportamenti degli associati in base al Codice Etico e verifica l’applicazione degli standard comuni.