SEGUICI SU
Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

Centinaia di scuole si sfidano nel contest educativo, per imparare i corretti metodi della raccolta differenziata di pile e accumulatori.

È ufficialmente iniziata la prima fase del contest “Una Pila Alla Volta” il progetto promosso dal Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (CDCNPA), patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e quest’anno supportato anche dal Ministero dell'Istruzione.

L’iniziativa che si rivolge a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 10 ed i 14 anni e, ai loro tutor (familiari, insegnanti ed istruttori) ha lo scopo di educare tutti i partecipanti al tema della raccolta differenziata e del riciclo dei rifiuti di pile e accumulatori attraverso un contest, una vera e propria gara, composta da 3 prove: la prima, un quiz interattivo che si sta svolgendo proprio in queste ore durante le quali centinaia scuole in tutta Italia si stanno cimentando nel tentativo di rispondere a domande su aspetti storici, tecnologici ed ambientali riguardanti le pile e gli accumulatori; la seconda prova riguarderà la realizzazione di un’opera (quadro, scultura) utilizzando le pile recuperate in casa; infine, la terza ed ultima sarà incentrata sull’individuazione di un contenitore per la raccolta differenziata.

L’iscrizione è gratuita e prima si completa, più opportunità si hanno di conquistare il montepremi in palio pari a 38.000 € in voucher da spendere in materiale didattico e/o sportivo. Quest’anno inoltre, ad essere premiati non saranno solo centinaia di ragazzi e ragazze che con grande gioco di squadra prenderanno parte al progetto, ma anche gli insegnanti che meglio si faranno portavoce dell’iniziativa, conquisteranno il Titolo di Ambasciatore della Didattica Ambientale ed un ulteriore voucher di 500 euro.

Il roadshow di “Una Pila Alla Volta”

Quella di oggi è una data doppiamente importante per “Una Pila Alla Volta” infatti oltre ad aver segnato l’avvio del progetto, rappresenta anche la conclusione del roadshow di presentazione dell’iniziativa, la cui ultima tappa si è svolta proprio nell’Istituto dedicato a colui che la pila la ha inventata, la Scuola Secondaria di I° Grado “Alessandro Volta”. Nel corso del roadshow, gli studenti di 10 Istituti scolastici in 10 Comuni italiani hanno potuto mettere in pratica gli insegnamenti sulla corretta metodologia della raccolta differenziata di cui “Una Pila Alla Volta” si fa portavoce e non solo, attraverso “Waste Travel 360°”, primo progetto di realtà virtuale sulla Circular Economy realizzato da Ancitel Energia&Ambiente, tutti i partecipanti hanno potuto compiere una visita interattiva ed immersiva negli impianti di valorizzazione dei rifiuti.

I numeri del roadshow “Una Pila Alla Volta”

Le 10 città e le 10 Scuole Secondarie di I° Grado coinvolte, sono state: Potenza - Istituto Comprensivo “Busciolano” Colleferro (Roma) - Scuola Secondaria di Primo grado “Leonardo da Vinci” Cava de’ Tirreni - Istituto Comprensivo “Trezza Carducci” Varese - Istituto Comprensivo “Varese I, Don Rimoldi” Torino - Istituto Comprensivo “Rita Levi Montalcini” Vibo Valentia - Istituto Comprensivo “Garibaldi – Buccarelli” Roma (municipio I°) - Istituto Comprensivo Parco della Vittoria - Plesso scuola "Giuseppe Gioacchino Belli" Modena - Istituto Comprensivo 3 di Modena Pordenone - Scuola Secondaria di I° Grado “Pier Paolo Pasolini”, Genova – Istituto Comprensivo “Cornigliano” - Scuola Secondaria di I° Grado “A.Volta”.

Durante il roadshow sono stati 793 i kg di pile raccolte su tutto il territorio nazionale, corrispondenti a 39.650 stilo esauste. La scuola che più si è distinta nel corso dell’iniziativa è stata quella di Pordenone, Scuola Secondaria di I° Grado “Pier Paolo Pasolini” nella quale, ragazzi e ragazze si sono prodigati nella raccolta di 420 kg di pile corrispondenti a 21.000 stilo esauste. Il loro impegno è stato premiato con un voucher di 500 euro da spendere in materiale didattico e/o sportivo.

“Dopo il successo dell’edizione precedente ci siamo ripromessi di ripetere l’iniziativa di “Una Pila Alla Volta” anche per il 2019 - ha dichiarato Luca Tepsich, Segretario Generale del CDCNPA - con lo scopo di coinvolgere sempre più ragazzi e ragazze, i loro familiari e docenti in un percorso che punta ad insegnare i principi della giusta raccolta differenziata di pile e accumulatori attraverso strumenti di valore, quali: il gioco di squadra, necessario per vincere insieme le prove che hanno preso il via proprio oggi, con il quiz interattivo; la creatività per fare delle pile, un’opera d’arte famosa; l’ingegno per scovare il maggior numero di raccoglitori sparsi nelle proprie città. Non mi resta che augurare a tutti i partecipanti, un grande in bocca al lupo e, per tutti coloro che ancora non si fossero iscritti li invito a farlo il prima possibile, mettendosi alla prova nel contest più ecologico d’Italia”.

“Si è concluso oggi con Genova questo ciclo di Roadshow che con il Waste Travel 360° - innovativo progetto di realtà virtuale applicata all'educazione ambientale - ha permesso di formare più di 1500 ragazzi sul tema della Circular Economy, e più specificatamente sul recupero delle pile a fine vita. - ha dichiarato Giuseppe Rinaldi, Consigliere delegato di Ancitel Energia e Ambiente Spa - vogliamo per questo ringraziare il CDCNPA per la proficua collaborazione che crediamo, sarà alla base di moltissimi altri successi futuri.”

“Grande soddisfazione per il notevole risultato conseguito dalla scuola secondaria di I° Grado “Pier Paolo Pasolini” che si è distinta nell’iniziativa “Una Pila Alla Volta”, promossa da CDCNPA – Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori – ha sottolineato Giulia Santin, Affari Generali e Legali di GEA, Gestioni Ecologiche Ambientali SPA - aggiudicandosi addirittura il primo posto grazie all’impegno degli alunni che hanno raccolto ben 420 kg di pile. Un grande plauso quindi agli studenti, ai familiari e ai docenti che hanno dimostrato un grande interesse e un attivo coinvolgimento rispetto al tema della raccolta differenziata e del riciclo dei rifiuti.”