SEGUICI SU
Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

Auchan Retail Italia aderisce alla Giornata nazionale contro lo spreco alimentare.

L'azienda comunica le proprie best practice e presenta con WWF Italia il decalogo #UnitiControLoSpreco.

Per la Giornata contro lo Spreco Alimentare, Auchan Retail Italia lancia insieme a WWF la campagna di sensibilizzazione #UnitiControLoSpreco e presenta un decalogo con suggerimenti e consigli per contrastare lo spreco delle risorse naturali e fare la differenza anche attraverso semplici accorgimenti: dalla valorizzazione degli alimenti (comprando ciò che effettivamente occorre e conservandolo al meglio, creando nuove ricette con gli avanzi e chiedendo la doggy bag al ristorante), alle buone abitudini per risparmiare acqua ed energia in casa e in ufficio, dalla corretta gestione dei rifiuti, agli accorgimenti per una mobilità sostenibile. Questa campagna per diffondere buone pratiche, rivolta ai consumatori e ai 19.000 collaboratori di Auchan Retail Italia, rafforza la decennale collaborazione con WWF Italia, attiva dal 2009 a favore delle Oasi. Attraverso la raccolta fondi legata alle shopper riutilizzabili, in questi anni sono stati donati all’associazione ambientalista oltre 1,8 milioni di euro, di cui 200.000 euro nel solo 2018.

Per quanto riguarda le azioni virtuose contro lo spreco alimentare, da oltre dieci anni Auchan Retail Italia collabora con le principali Onlus sul territorio nazionale raccogliendo le eccedenze dei propri punti vendita, quei cibi che, non più vendibili ma ancora commestibili e che, donati, diventano una risorsa preziosa per le famiglie che vivono in situazione di difficoltà. Pasta, riso, pelati, scatolette di tonno: sono questi i principali alimenti donati. Nel 2018 sono state consegnate alle strutture caritative del territorio oltre 893 tonnellate di cibo, pari a 1,8 milioni di pasti. Alle donazioni si aggiungono le collette alimentari organizzate a livello nazionale e locale, che hanno permesso alle strutture caritative di raccogliere complessivamente oltre 420 tonnellate di alimenti, pari a circa 850 mila pasti.

In quest’ottica rientra anche la partecipazione di Auchan Retail Italia al progetto LIFE-Food.Waste.StandUp, promosso da Federdistribuzione in collaborazione con Federalimentare, Unione Nazionale Consumatori e Fondazione Banco Alimentare, che punta a valorizzare il riutilizzo degli scarti in cucina, al motto di #iorecupero. Le donazioni e le raccolte alimentari sono solo alcuni degli impegni che Auchan Retail Italia porta avanti per la lotta allo spreco.

Anche sul fronte ambientale, le insegne da anni sono impegnate per tutelare il patrimonio naturalistico e ridurre il proprio impatto sul territorio. Per quanto riguarda il risparmio energetico, nei punti vendita la lotta allo spreco si traduce in progetti di modernizzazione degli impianti e delle apparecchiature, che hanno consentito nel 2018 di contenere i consumi di oltre 24 milioni di kWh rispetto all'anno precedente. Inoltre il programma di ammodernamento dei veicoli di trasporto delle merci e il percorso di efficientamento dei flussi logistici ha permesso di ridurre del 5% i viaggi, evitando l’emissione nell’atmosfera di circa 6 mila tonnellate di CO2. Infine, la corretta gestione dei rifiuti generati dai punti vendita ha valorizzato tramite riciclo oltre 28 tonnellate di carta, plastica, legno e rifiuti organici.

Il decalogo #UnitiControLoSpreco è disponibile nei punti vendita Auchan e Simply e sui siti www.auchan.it e www.simplymarket.it.

Auchan Retail Italia è il gruppo della grande distribuzione italiana che opera in 19 regioni con circa 19.000 collaboratori e una rete multiformat di circa 1.500 punti vendita (di cui oltre 300 diretti), tra ipermercati Auchan, supermercati a insegna Auchan, Simply, IperSimply, negozi di prossimità ad insegna MyAuchan e PuntoSimply e oltre 50 drugstore Lillapois. Sugli scaffali di ipermercati e supermercati sono presenti oltre 5.000 prodotti a marchio, circa 17.000 prodotti locali e un terzo dei fornitori è composto da Pmi. La valorizzazione del Made in Italy si concretizza anche con l’attività Export: 1350 prodotti alimentari di 150 PMI sono esportati in 29 Paesi, di cui 14 in cui è presente la propria insegna.