SEGUICI SU
Contatta la Redazione
1000 caratteri rimanenti

presentata presso la sala stampa della Camera, la proposta di legge sottoscritta dall’on. Stefano Vignaroli e da altri deputati.

Disposizioni per la disciplina dell’economia dei beni usati e la promozione del settore del riutilizzo, nonché istituzione del Tavolo di lavoro permanente sul riutilizzo” (AC. 1065) è lala proposta di legge sottoscritta dall’on. Vignaroli e presentata il 28 settembre scorso.

La proposta ha iniziato il percorso legislativo presso le due Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive, insieme ad altre pdl sullo stesso tema: essa si propone di dare finalmente una regolamentazione ad un mercato frastagliato che in Italia, secondo dati stimati dagli operatori del settore, fattura 2 miliardi e recupera a nuova vita 500mila tonnellate di beni l’anno (di cui 133mila sono abiti usati), garantendo il riuso di circa 8 kg di rifiuti per abitante. La proposta di legge nasce infatti dal confronto con gli operatori dell’usato, rappresentati da Rete Nazionale degli Operatori dell’Usato (http://www.reteonu.it/), associazione che rappresenta rigattieri tradizionali, ambulanti delle fiere e dei mercati, soggetti vulnerabili delle aree di libero scambio, operatori della raccolta e del recupero degli abiti e degli elettrodomestici usati, cooperative, enti solidali, negozi dell’usato in conto terzi.

Gli obiettivi della legge sono: sburocratizzazione, emersione del mercato informale, regolamentazione del settore, sostegno agli operatori, tracciabilità e uniformità normativa. Adottando le nuove regole, secondo gli estensori, potrebbero essere portati a riutilizzo altri 600mila beni durevoli, facendo emergere un mercato in larga parte sommerso e creando diverse migliaia di nuovi posti di lavoro.

Gli strumenti per realizzare quanto sopra vanno dal riconoscimento della figura dell’operatore dell’usato, che dovrà avere un codice di attività specifico (ATECO) e sarà soggetto ad una specifica regolamentazione, alla promozione del riutilizzo attraverso l’abbattimento degli oneri fiscali (IVA al 10%) e delle tariffe dei rifiuti, chiedendo agli Enti locali di tener conto del valore ambientale generato da queste attività.

La legge prevede altresì la regolarizzazione di Aree di Libero Scambio, per i piccoli operatori più deboli socialmente, e l’istituzione di un tavolo permanente sul riutilizzo presso il ministero dell'Ambiente, con la partecipazione di ISPRA e dei principali operatori ed associazioni del settore, per promuovere accordi con le pubbliche amministrazioni.

UNICIRCULAR, in considerazione dell’interesse di alcune sue filiere per il tema del riutilizzo e della disponibilità delle Commissioni a svolgere audizioni, sta richiedendo di essere ascoltata relativamente ad alcune situazioni critiche connesse alla preparazione per il riutilizzo o alla vendita di particolari categorie di beni riutilizzabili.